ASSEMBLEA DEI SOCI 2018

Nell’Assemblea di sabato 5 maggio, alla presenza di 2.445 soci, la Cassa Rurale ed Artigiana di Boves ha celebrato l’ingresso nel 130° anno dalla fondazione.

L’esercizio 2017 ha portato per l’ennesima volta risultati soddisfacenti, con una raccolta che complessivamente raggiunge i 643 milioni di euro, segnando un incremento del 4,5% pari a circa 28 milioni di euro. I nuovi finanziamenti erogati superano i 64 milioni di euro e conducono gli impieghi a 292 milioni di euro, con un delta positivo del 7,4% rispetto al fine anno precedente.

Nel contempo la Banca ha ancora aumentato le coperture a fronte del rischio di credito, con un coverage sui crediti deteriorati che si è attestato al 56,6%; tecnicamente si chiamano “accantonamenti”, in pratica esprimono la prudenza di chi mette fieno in cascina per affrontare con serenità il futuro.

L’utile netto, che ha superato la cifra di 1,1 milioni di euro, ha consentito all’Assemblea di destinare ancora una volta 200 mila euro ad interventi di beneficenza. Nel corso degli ultimi cinque anni gli interventi sul territorio sommano ad oltre 1,4 milioni di euro, suddivisi in circa 880 iniziative.

Il patrimonio netto ammonta a circa 47 milioni di euro. Il CET1 ratio, indice principe della solidità di un Istituto bancario, è pari al 14,33%. Tutto il patrimonio della Banca è formato dal cosiddetto “patrimonio buono” e gli indici si posizionano su valori di eccellenza rispetto al panorama bancario.

 “Sono numeri”, ci tiene a sottolineare il Direttore Generale Ivano Pellegrino, “che parlano di persone e famiglie, di artigiani e commercianti, di aziende e imprenditori, di giovani e anziani che hanno camminato per dodici mesi insieme alla loro banca. Sono valori che riferiscono di fiducia reciproca tra banca e cliente e che mettono in risalto la volontà di fare, e di fare bene”.

L’Assemblea ha votato nella carica di Amministratori per il triennio 2018-2020, i consiglieri uscenti Baudino Michele e Oliva Giuseppe ed il neo eletto Pellegrino Claudio di Boves.

Nelle parole del Presidente Marro Sergio: “Mancano pochi mesi alla ricorrenza dei 130 anni della nostra Banca, fondata il 7 ottobre 1888. In Assemblea abbiamo ripercorso, così come faremo nei prossimi mesi, una Banca fatta di gente, echi di storia, di radici, di terra. Affidabile e innovativa, pronta a sfidare l’inarrestabilità del tempo. Una realtà che vuole assumere respiri più ampi, senza perdere di vista le esigenze concrete della sua gente, del suo territorio, della sua identità, della sua coscienza”.